Analfabetismo motorio

2018 15 novembre

Analfabetismo motorio

 


Alcuni studi, e le osservazioni empiriche, dicono che nel 2020 i bambini e gli adolescenti italiani raggiungeranno il grado zero delle capacità motorie.


Da uno studio condotto dall’Istituto regionale ricerca educativa del Lazio emerge che dal 2005 le qualità aerobiche, ovvero la resistenza, degli adolescenti italiani stanno diminuendo al tasso dell’1% all’anno .


«Tanti quindicenni - spiega Mario Bellucci, uno degli autori dello studio - non sanno andare in bicicletta, non corrono e camminano pochissimo, compiendo ogni giorno pochi passi.


Il livello di mineralizzazione delle loro ossa si abbassa e non a caso a scuola numerosi ragazzi sono perennemente infortunati. La loro muscolatura è così poco tonica da causare problemi di postura: dopo pochi minuti in piedi devono sedersi e sono sempre stanchi».


«In prima media - racconta Sergio Dugnani, docente di Scienze del Movimento all’Università di Milano - due ragazzi su tre non sanno eseguire una capovolta in avanti: si bloccano, si contorcono, si accasciano su un fianco. Un tempo la capovolta si apprendeva in maniera naturale giocando, tra i 6 e gli 8 anni, dopo aver imparato a rotolare e a strisciare. Doverla insegnare a ragazzi di 11-12 anni che pesano già 40 chili significa recuperare un ritardo».



Annalisa Zapelloni, decano dei docenti di educazione fisica romani, aggiunge: «La scomparsa del gioco di strada ha provocato danni incalcolabili. Chi non si è mai arrampicato su un albero o su un muro non ha forza nelle braccia e nelle gambe ed è privo del senso dell’equilibrio. Vedo ragazzini in difficoltà se chiedi loro di saltare a piedi pari una riga disegnata sul pavimento. Non sono disabili: semplicemente non l’hanno mai fatto».



I risultati osservati negli ultimi anni scolastici sono drammatici: 58 quindicenni su 100 hanno una forza delle braccia insufficiente o scarsa, e addirittura 78 sono nelle stesse condizioni per quanto concerne le gambe. 68 studenti su 100 non superano il test di resistenza, 50 quello di velocità e 47 quello relativo alla coordinazione motoria.


«La valutazione - spiega Marchetti - si basa sulla media europea e i risultati peggiorano di anno in anno». «Nessuno - aggiunge Sergio Dugnani - si occupa più dello sviluppo delle capacità condizionali dei nostri ragazzi.


Assecondati dalle famiglie, considerano lo sport solo una delle tante opzioni per il loro tempo libero, cambiando specialità di anno in anno senza padroneggiarne nessuna. Il gioco nel cortile, quello che permetteva lo sviluppo armonico involontario del corpo, è scomparso. Dal rincorrersi, saltare la corda, lanciarsi la palla ci si è ridotti all’immobilità dell’appartamento e del videogioco».


 scopri i corsi per i ragazzi di Starbene Group


(fonte Fitness Trend)


 



 analfabetismo motorio, giovani sport, sedentarietą, bambini attivitą fisica,adolescenti attivitą fisica