Tendinopatia Achillea (tendinite)

2018 27 giugno

Tendinopatia Achillea (tendinite)

Chi cammina o corre in maniera prolungata spesso soffre della TENDINOPATIA ACHILLEA che è un disturbo muscolo-scheletrico causato da un sovraccarico al tendine d'Achille.


In queste condizioni il tendine si presenta gonfio, dolente e con una funzionalità ridotta. Molti sportivi lamentano una rigidità al mattino quando mettono il piede a terra, un dolore durante l'attività sportiva e, a seconda del grado di infiammazione, pure camminando. Inoltre, toccando il tendine, sentono un nodulo dove fa più male.


Fino ad oggi si è curato questo problema con un approccio passivo che prevede prima di tutto il riposo dall'attività e dal carico, della terapia fisica come laser, tecar, ultrasuono, onde d'urto, crioterapia, ecc... e degli esercizi di allungamento passivo. Ma i risultati non sono sempre stati confortanti sul lungo termine.


Gli studi scientifici attuali hanno preso in considerazione invece un tipo di approccio terapeutico più attivo. Si consiglia infatti esercizi isometrici, isotonici, concentrici ed eccentrici con un grado di carico appropriato insieme a sedute di laser a bassa intensità.


Sembra che, dopo aver fatto una corretta diagnosi anatomo-funzionale, si riscontri più giovamento nell'utilizzare un carico adeguato durante l'esecuzione di una serie di esercizi attivi. Va da sé che la personalizzazione terapeutica dell'esercizio fisico abbinato alla terapia fisica sia più che mai precisa.


C'è tendinopatia achillea e tendinopatia achillea...


 



Fonte: Rivista “Riabilitazione Oggi” 2018 n.2 marzo/aprile



 tendinite, tendine d'Achille, tendinopatia